“Il dolore di vedere un uomo privato della sua storia è qualcosa
di inspiegabile!!!
Un uomo la cui memoria continua a sfumare come un soffio di
vento, è un uomo che giorno per giorno si avvicina al nulla. un
nulla fatto di ricordi nascosti, di paure che riaffiorano al cuore, di
dolore fatto carne. Un uomo privo di temporalità, ogni momento
diventa infinito ed ogni istante diventa lontano, ne giorno ne
notte ma solo strani passaggi di luci ed ombre.
Ogni sogno diventa realtà, ogni preghiera sembra esaudita.
Un uomo la cui memoria continua a sfumare come un soffio di
vento è un uomo a cui nessun affetto può farlo star meglio, perchè
nulla è come è e tutto è come sembra.
tra il sogno e la realtà non vi è confine. l’unica differenza è che
l’una si alterna all’altra, niente più.
Un uomo la cui memoria continua a sfumare come un soffio di
vento non è più un uomo!!
GABRIELLA LUONGO*

* Gabriella Luongo, Napoli. Una nipote.

A nonno Vincenzo dalla sua piccola Gabriella